Illustre sconosciuto

Lo ammettiamo, ignoravamo l’esistenza di un così illustre antenato. Uomo d’arte e d’ingegno che con estro e maestria ha lasciato un segno, una traccia nei secoli. E i copertinesi che l’hanno fatto, lasciare una traccia nel tempo s’intende, sono davvero pochi, ad oggi. Ne abbiamo sentito parlare, quasi per caso, in un inserto culturale trasmesso domenica mattina da Rai News 24 (AR Frammenti d’Arte, hanno anche una pagina su fb)

Stiamo parlando di Donato Decumbertino, insigne pittore che ha magistralmente “affrescato” il castello medioevale di Gambatesa, ai confini tra Puglia e Molise. Siamo alla metà spaccata del 1550 e il nostro è chiamato ad abbellire gli interni del castello dalla famiglia dei Di Capua (apparentati niente meno che con i Del Balzo). E lo fa esibendo un repertorio vasto di figurazioni e richiami alle Metamorfosi di Ovidio che, leggiamo nelle recensioni, “determinano una condizione di totale assoggettamento del visitatore”.

Il ratto di Europa, le gigantesche rappresentazioni femminili delle virtù cardinali, il putto mancino (vero enigma per gli etnomusicologi), l’emblema che Donato usa per firmare l’opera, sono solo alcuni degli elementi artistici, di indubbio valore, che si trovano raffigurati nel castello molisano. Proprio in quell’emblema si trova il legame con la sua terra natia. Infatti il pittore copertinese per rappresentarsi e rappresentare le sue opere usa l’immagine di un ragno con la sua ragnatela: simbolo di operosità, richiamo alla lotta tra Pallade ed Aracne ma soprattutto legame con le sue origini salentine.

Ma com’è che non ne abbiamo mai sentito parlare? Come mai non una via dedicata all’illustre concittadino? Nessuna mostra o evento che lo commemori? Neanche una gita scolastica a Gambatesa! Eppure uno scambio culturale tra i due comuni c’è stato nel 2015 ma da quel seme non sembrano esser nati, ancora, molti frutti.

Per saperne di più:
http://www.francovalente.it/…/…/03/il-castello-di-gambatesa/
http://www.musei.molise.beniculturali.it/musei…
https://www.academia.edu/…/Il_putto_mancino._Frammenti_di_s…

scritto il 14/11/2017 da Gianni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: